domenica 1 giugno 2008

I DUE VOLTI DELL'ITALIA DI OGGI

L'Istat nel Rapporto annuale, reso pubblico il 28 Maggio 2008, specifica che il reddito netto delle famiglie residenti in Italia nel 2005 e' equivalente in media a 2.300 euro mensili. Tuttavia, a causa della distribuzione disuguale dei redditi, se si fa riferimento al valore medio, il 50% delle famiglie ha guadagnato meno di 1.900 euro al mese!! Le famiglie in cui il principale reddito e' quello di una donna guadagnano, in media, il 27% in meno rispetto alle altre. In particolare, le famiglie composte da donne anziane sole, nel 2005, hanno percepito un reddito netto medio inferiore ai 995 euro mensili. Nello stesso giorno in cui è stato pubblicato il rapporto annuale Istat dal mondo dello sport è giunta la notizia del licenziamento dell’allenatore dell’inter che costerà alle casse del club almeno 110 milioni di euro. Il vecchio allenatore aveva infatti un contratto blindato, che comprendeva la clausola di pagamento completo in caso di interruzione anticipata: così gli spetteranno tutti i 40 milioni che avrebbe dovuto percepire nelle prossime quattro stagioni. A questi quaranta milioni ne vanno aggiunti altri tre a stagione che spettavano al suo staff tecnico. Gli altri 56 milioni spettano al nuovo allenatore che specificatamente metterà nelle sue tasche 9 milioni netti a stagione fino al 2011, ai quali ne vanno aggiunti altri 12 circa, per i suoi collaboratori. In totale dal 1994 ad oggi i soldi spesi da Moratti sono addirittura 1.000 Mil. di Euro[1]. Due giorni dopo, il 30 Maggio 2008, in un’intervista rilasciata ad un quotidiano sportivo, il Sig. Piersilvio Berlusconi censura quanto fatto da Moratti, dichiarando: “Il caso Mancini-Mourinho? Visto il momento in cui verte il paese certe cifre sono assurde. E’ che siamo in presenza di cifre che non si dovrebbero nemmeno pronunciare, altro che spendere.”. Queste tre notizie fanno capire in maniera chiara e semplice come il concetto di etica e morale in una società come la nostra sia andato totalmente perduto. Il Rapporto Istat ci spiega che la maggior parte delle famiglie italiane non arriva alla fine del mese e dall’altra abbiamo un presidente di una squadra di calcio, Massimo Moratti, che per cambiare allenatore, quindi una figura che sta seduta su una panchina per 90 minuti a partita, spende la cifra di 110 milioni di euro, per non parlare di quello che ha speso dal 1994 ad oggi ossia una quantità di denaro (1.000 MIL. di Euro) pari al PIL di uno Stato Europeo. Una somma del genere molto probabilmente risolverebbe il problema degli stati del cosiddetto terzo mondo, non dimenticando che se la situazione continuerà a peggiorare e se il numero delle famiglie in difficoltà in Italia continuerà ad aumentare, ci ritroveremo noi stessi a vivere in un paese povero. Infine l’etica e la morale si dissolvono definitivamente quando il figlio del Presidente del Consiglio si comporta da vero e proprio moralizzatore e censura il comportamento del Presidente dell’Inter: probabilmente essendo giovane non si ricorda che nel 1987 suo padre, entrando nel mondo del calcio, ne ha dichiarato definitivamente la morte, cominciando a spendere cifre che erano inimmaginabili per l’epoca, dando origine così a quello che è il mondo del calcio attuale in cui televisioni e sponsor fanno da padroni. Inoltre a Berlusconi Jr. probabilmente sfugge anche che il Milan nell’agosto del 2007 ha pagato 23 Mil. di euro per un giocatore di nazionalità brasiliana di appena 17 anni. L’unica amara verità è che viviamo in una società in cui mentre il 50% delle famiglie guadagna meno di 1.900 euro al mese lottando per il sostentamento e i bisogni più basilari della vita quotidiana, ci sono dei personaggi che spendono cifre astronomiche per futili motivi. Mettiamoci nei panni di un padre di famiglia che non riesce a garantire l’istruzione ai propri figli e lotta per pagare le bollette, ma si trova a leggere sui giornali e a vedere in televisione determinati atteggiamenti e dichiarazioni che sono una provocazione e un’offesa continua per tutti. L’unica vera riflessione che può nascere da tutto ciò è quella di interrogarsi su quali valori si basa la nostra società e quali siano i messaggi che vengono trasmessi, chiedersi perché da un lato le persone c.d. “comuni” debbano combattere per ogni piccola cosa: i giovani per trovare un lavoro che li renda autonomi; le famiglie per mantenere un tenore di vita dignitoso; gli anziani, dopo una vita di lavoro, per arrivare alla fine del mese… E dall’altro ci siano persone che si permettono di sperperare denaro senza il minimo ritegno e che addirittura sono vissute come modelli di comportamento e come mete da raggiungere.
Dott. Pierluigi Corea
[1] In dettaglio ecco meglio specificato il numero di tesserati messi sotto contratto fino al Maggio 2008: PORTIERI (14): Ballotta, Bindi, Carini, Cordaz, Ferron, Fontana, Frey, Frezzolini, Julio Cesar, Mazzantini, Orlandoni, Pagliuca, Peruzzi,Toldo. DIFENSORI (58): Adani, Andreolli, Angloma, Bergomi, Bia, Blanc ,Brechet, Burdisso, Camara , F.Cannavaro, Centofanti, Cirillo, Coco, Colonnese, Conte M., Cordoba, Chivu, Domoraud, Favalli, Ferrari, Festa, Fresi, Galante, Gamarra, Georgatos, Gilberto, Gresko, Grosso, Helveg, Macellari , Maicon , Materazzi, Maxwell, Mezzano, Mihajlovic, Milanese, Padalino, Paganin A., Paganin M., Panucci, Pasquale, Pedroni , Pistone, Rivas, Roberto Carlos, Samuel, Sartor, Serena M., Silvestre, Simic, Sorondo,Tarantino,Tramezzani ,Vivas, West ,Wome, J.Zanetti , Ze Maria. CENTROCAMPISTI (60): Almeyda , Beati ,Berti, Bianchi, Brocchi, Cambiasso, Carbone, Cesar, Cauet , Cinetti, Dacourt, Dalmat, D’Autilia, Davids, Dell’Anno, Di Biagio, Djorkaeff, Emre, Fadiga, Farinos, Figo, Gonzalez, Guglielminpietro, Ince, Jimenez, Jonk,Jugovic, Karagounis, Kily Gonzales, Lamouchi, Luciano, Manicone, Maniche, Morfeo, Moriero, Nichetti, Okan , Orlandini, Orlando, Paolo Sousa, Peralta, Pelè, Pirlo ,Pizarro, Seedorf, Seno ,Sergio Conceiçao, Sforza , Shalimov, Simeone, Solari, Stankovic, Vampeta ,Van Der Meyde, Veron ,Vieira ,Winter, Zanchetta, Zanetti C., Ze Elias. ATTACCANTI (36): Adriano ,Baggio ,Balotelli, Batistuta, Bergkamp, Branca ,Caio, Choutos, Colombo, Corradi ,Crespo ,Cruz ,Delvecchio, Di Napoli ,Ferrante ,Fontolan ,Ganz ,Ibrahimovic, Kallon , Kanu, Keane Roy, Martins, Mutu, Pacheco, Panchev , Rambert , Recoba, Ronaldo, Russo, Sinigaglia, Suazo, Sukur,Ventola, Veronese, Vieri, Zamorano. ALLENATORI (10): Castellini, Cuper, Hodgson, Lippi , Lucescu, Mancini, Mourinho, Simoni,Verdelli, Zaccheroni.

Nessun commento:

Lettori fissi